[Report NPL IFIS] Comincia il 2019 ALLA GRANDE aggiornandoti sul mercato NPL per.. INVESTIRE CON CONFIDENZA NEGLI AFFARI PIU’ LUCRATIVI

Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii. Quanto godo. Il 2019 inizia esattamente come avevo predetto! Il report NPL IFIS che sto per dissezionare per te mostra le evoluzioni del mercato NPL italiano nell’arco del 2018, e i trend continuano.

Se pensavi che nel 2018 hanno venduto tonnellate di NPL, quest’anno venderanno come se non ci fosse un domani!

Si, gli affari spettacolosi dell’anno passato presto IMPALLIDISCONO in confronto a quelli che stanno nascendo nei giorni a seguire.

All’orizzonte grandi opportunità d’investimento, quindi.

Pensi che sarai uno di quelli che gonfieranno il proprio conto corrente?

Mettiti in fila, prima ci sono io; tu, se ti va bene, avrai accesso agli scarti. Giusto cosi.

Ehehe sto scherzando.. ma devi affretarti perché IL SUCCESSO NON ASPETTA.

Bene signore. Da qualche settimana a questa parte ti promettevo che tornerò a raccontarti come si stanno muovendo le acque del Mar NPL, e oggi è la giornata giusta.

In questa ottica ho deciso di prendere in esame un elaborato dello scorso anno che è a dir poco interessante perché va ad analizzare nel dettaglio quanto successo nel 2018 dando anche informazioni sui mutamenti che si sviluppano oggi.

D’altronde. non è che siano passati molti giorni del 2019..

Senza ulteriori indugi, sono lieto di presentarti il report market watch della banca IFIS, rilasciato settembre 2018!

UN CALOROSO BENVENUTO AI MILIARDI

Iniziamo con.. rullo di tamburi.. numeri da capogiro, che hanno sempre caratterizzato il mercato NPL, in passato e ancora oggi.

La prima tabella del report NPL IFIS è un sommario del panorama italiano, che sin da subito piazza delle bombe agghiaccianti per chi approfondisce il mercato la prima volta:

  • 252 mld € erano i crediti deteriorati lordi ancora in giro a fine luglio 2018
  • il 53% delle transazioni principali è stato gestito da 6 servicer
  • 76 sono i miliardi di € che le banche sono riuscite a piazzare da inizio 2017 (non male!)
  • +1000 bps l’aumento della copertura NPL lato banche, grazie alla IFRS9 (trattasi di un insieme di nuove regole di contabilità entrate in vigore l’anno scorso, ne parlavo anche qui)
  • un incremento del +17% sul numero di transazioni rispetto al 2017, arrivando a 83 mld € (nota: questa era una stima, sono stati poi superati i 100 miliardi!)
  • 22 mld € il valore di mercato stimato delle transazioni del 2018
  • gli operatori di servicing si sono reorganizzati strategicamente, e hanno visto un incremento di 105 mld € a livello di asset gestiti

1 report NPL IFIS

(clicca sull’immagine per ingrandire)

Quelli sono alcuni dei punti salienti del sommario esecutivo del report NPL IFIS.

Il report fa inoltre presente alcuni aspetti di minor conto, ma non troppo.. per esempio, c’è un trend di aggregazione dei servicer più piccoli per ottimizzare il processo di raccolta degli NPL.

Un ultimo dato interessante è che sui bilanci delle banche la percentuale di NPL lordi cartolarizzati era di 52.

E stiamo solo iniziando..

ANCORA PIU’ SPAZIO AI MILIARDI

Si perché ti faccio vedere quanto è profondo il buco del coniglio; oh, spero che sei ancora con me e non sei svenuto!

Magari fatti fare compagnia da qualcuno mentre continui a leggere, cosi ti può soccorrire se necessario.

2 report NPL IFIS

Pensa che a me, dopo tutto questo tempo, dopo aver bazzicato nelle acque del mercato già da anni, i numeri continuano a lasciarmi a bocca aperta. Non oso immaginare come reagisce un novizio..

Il fatto è questo: a metà 2018, l’Italia aveva ancora 252 miliardi di euro di NPL da digerire in qualche modo.

Questi erano composti da:

  •  127 mld sui bilanci delle banche
  • 130 mld derivati dalle transazioni dal 2015 fino a luglio 2018
  • 5 mld, recuperi

Eh si, qua nel Belpaese non scherziamo..

Come accennato prima, il report NPL IFIS poi mostra come più della metà delle transazioni ruotano attorno a 6 grandi servicer. Questi sono:

  • DoBank
  • Cerved
  • Banca IFIS
  • Prelios
  • Tersia
  • SGA

3 report NPL IFIS

Non è del tutto sorprendente il discorso, sono delle percentuali  vicine al 80/20 (80% degli NPL passati dal 20% dei servicer).

Il report NPL IFIS evidenzia come nota a parte che le attività di raccogliere / recuperare NPL non sono facili e richiedono importanti investimenti nelle infrastrutture IT.

L’ASSURDO SCENARIO DELLE BANCHE

4 report NPL IFIS

Dal grafico sopra puoi appurare l’andamento dello stock NPL del nostro paese dal 2010 fino al 2018.

Siamo partiti da un “modesto” valore di 157 miliardi nel 2010, arrivando a 260 nel primo trimestre del 2018 e con un picco di 341 nel 2015.

Ecco perché ti ho sempre detto che se vuoi investire NON ASPETTARE TROPPO: i creditori, grazie alle pressioni della BCE (Banca Centrale Europea) hanno smaltito sempre più NPL.

Tra il 2017 e 2018 è stata registrata una diminuzione del 20% dello stock complessivo di esposizioni rischiose (NPE), e continueranno cosi: in un futuro non molto remoto le opportunità d’investimento non saranno più cosi abbondanti come ora.

Il grafico sotto mette bene in evidenza le grandi cessioni di NPL dai portafogli delle banche:

5 report NPL IFIS

(fai caso in particolare alle percentuali -37% e -14%)

Il report NPL IFIS continua mostrando le variazioni dei portafogli nel tempo, dal 2010 al secondo trimestre 2018:

6 report NPL IFIS

Si evince come dal secondo trimestre 2017 sia i portafogli individuali che quelli corporate si stanno contraendo.
La riduzione è più intensa lato corporate.

Tornando al discorso smaltimento NPL.. a manetta, IFIS chiarisce con i seguenti dati che l’Italia è ora il paese che ha ridotto di più gli NPL:

7 report NPL IFIS

Vedi come a inizio 2018 la percentuale entrava in caduta libera?
Nel grafico dei paesi europei – chiaramente l’Italia non è l’unico stato ad avere NPL, ma negli altri la situazione non è mai stata cosi critica – è ben visibile la forte riduzione del rapporto NPL (NPL ratio): un bel -27%.

Siamo passati  da 4.8% (Marzo 2017) a 3.9% (Marzo 2018).

Nota bene: il rapporto NPL in Italia rimane ancora ben sopra la media europea.

TRANSAZIONI NPL E LA “PIPELINE”

Successivamente, uno sguardo alle transazioni avvenute e la cosiddetta pipeline (quelle che stavano ancora nascendo nella seconda metà del 2018):

8 report NPL IFIS

Il numero di transazioni è aumentato a dismisura, siamo passati da 43 a 50 a 64 a 84.

E ancora non si vedono segni di rallentamento! Le banche spingeranno sempre di più, fino a che non avranno fatto piazza pulita.

Più che interessante l’aumento enorme dei volumi, da poco di 17 miliardi nel 2016 a oltre 70 nel 2017 per poi continuare a schizzare alle stelle un anno dopo.

Qua non stiamo giocando per niente!

Non manca nemmeno un’analisi delle tipologie di portafogli nel report NPL IFIS:

9 report NPL IFIS

La conclusione qui è che è aumentato progressivamente il numero di transazioni di tipo secured, la metà ora sono di quel tipo.

Nel 2015, più della metà erano unsecured.

Nel grafico seguente, il report NPL IFIS stima il valore di mercato delle transazioni a 22 miliardi di euro nel 2018:

10 report NPL IFIS

La stima è puramente interna di IFIS.

11 report NPL IFIS

(transazioni NPL: prezzi medi stimati, percentuali)

SOTTO LA LENTE

Pare che volevano passare anche con la lente d’ingrandimento; di seguito un riepilogo delle transazioni più grosse della prima metà del 2018:

12 report NPL IFIS

Sono in ordine casuale, ma in cima c’è sicuramente Intesa con quasi 11 milardi tramite il servicer Tersia, andati nelle mani di Lindorf-Intrum e CarVal.

Al secondo posto Vicenza e Veneto con 9 miliardi, seguite da BPM con poco  più di 5 miliardi.

Unicredit e Creval sono delle entità che hanno fatto delle vendite più contenute, ma 3 pacchetti a testa.

Prelios è il nome del servicer che appare più spesso.

IFIS? IFIS ha spuntato fuori una solta volta, ma sia come servicer che come buyer. IFIS gestisce a 360 gradi praticamente.

Un ultimo dettaglio intrigante di questa sezione del report NPL IFIS chiarisce che la maggior parte degli affari è si conclusa senza gli aiuti GACS (GAranzia per la Cartolarizzazione delle Sofferenze, iniziativa del governo a sostegno delle banche che si sbrigano a vendere NPL).

Nella tabella successiva, il dettaglio delle transazioni iniziate e/o concluse nella seconda metà dell’anno:

13 report NPL IFIS

(da notare che la maggior parte si concludeva sempre senza GACS)

Intesa, Unicredit e BPM hanno avuto tanti progetti nella “pipeline”.

MPS, famosa per aver completato una vendita mastodontica di 24 miliardi di euro di NPL nella prima metà, non si è di certo fermata e ha dato luogo ad un altro progetto chiamato “Merlino” per sbarazzarsi di altri 2,6 miliardi.

NOSSIGNORE! IL REPORT NPL IFIS NON TRASCURA UTP!

Tu come avido lettore e investitore stagionato sai che nel mondo dei crediti in sofferenza si usano svariati termini.

Guarda a caso si dice in giro anche crediti deteriorati, crediti incagliati e cosi via.

Uno in gamba li conosce tutti, e sa le differenze. Anche perché gli enti a volte li usano come sinonimi, e se non conosci i singoli significati ti confondi facilmente.

E’ il caso dei cosiddetti UTP, acronimo che sta per Unlikely To Pay. E’ una categoria di crediti che comprende quelli semi-deteriorati, cioè che stanno per diventare NPL ma non lo sono ancora.

“Unlikely To Pay” lo puoi tradurre letteralmente come “improbabile che paghi”.

14 report NPL IFIS

Cosa c’è da sapere sugli UTP?

Beh, fondamentalmente, come dimostra la tabella, che sono stati ceduti anche 12,3 miliardi di euro di crediti semi-deteriorati.

Sorpresa, sorpresa.. al 90% ancora da MPS e Veneto!

QUALCUNO DICEVA SERVICING?

Ti stavo facendo presente prima come il report NPL IFIS sottolineava una riorganizzazione dei servicer.

La matrice sotto spiega nel dettaglio che tipo di strategie hanno intrapreso i vari attori: trasformazioni, diversificazioni, alleanze, etc.

15 report NPL IFIS

doBank e Guber sono sicuramente quelli più aggressivi, incentrati su tattiche di trasformazione.

Grazie a tutte queste evoluzioni, gli affari più grossi vengono gestiti da un numero più contenuto di servicer. In particolare doBank e Prelios si fanno coinvolgere in più situazioni:

16 report NPL IFIS

PENSIERI FINALI SUL REPORT NPL IFIS

Questi sono 100% miei 🙂

Inanzi tutto, perché ho analizzato questo documento?

In passato ero solito a divulgarti informazioni sul mercato NPL tramite i report di strutture internazionali come KPMG o PwC. Sono dei grandi (e affidabili) osservatori esterni.

Ora un report NPL IFIS? Sono impazzito?

Devi sapere che IFIS è un un’entità importante all’interno del grande stivale: come hai potuto vedere, gioca sia come servicer, sia come buyer.

E alla luce dei report.. anche come osservatore accanito!

Non a caso IFIS intitola il report “market watch”.

E’ utile scrutinare anche le informazioni rilasciate da società locali, assimilare i loro punti di vista, tenere d’occhio tutto e tutti.

Nell’intenzione di dare A TE un quadro sempre completo dell’ecosistema NPL, i contenuti come questi uniti agli articoli educativi del “dietro le quinte” ti forniscono tutte le conoscenze che ti servono per decidere se gli investimenti NPL fanno per te.

A proposito di contenuti.. masticando quelli del report NPL IFIS, due cose sono sempre certe:

  1. spinte dalla BCE e da varie iniziative come GACS, IFRS9, Basilea III e cosi via, le banche italiane schiacciano a fondo l’acceleratore per liberarsi da quelle catene che sono gli NPL, e cosi i crediti possono arrivare a fiumi nelle mani di investitori finali come te
  2. grazie al primo punto, lo stock nazionale di NPL diminuisce vertiginosamente; se non hai ancora fatto alcun investimenti, ti conviene sbrigarti

Come hai visto, nel report c’erano ben tanti altri dettagli (e comunque non ti ho riportato tutto al 100%, trovi il link al PDF completo in fondo) ma al di là di tutti quei numeri secchi la conclusione definitiva che ti devi stampare in testa è che il mercato è più frizzante che mai: le opportunità d’investimento in NPL abbondano, però non sarà cosi per sempre.

Al tuo successo,
Dottor NPL.

[Scarica il report NPL IFIS completo in formato PDF qui.]

PS: non è stato il primo report che ti ho presentato e sicuramente non sarà l’ultimo!

I prossimi pezzi si focalizzeranno su alcuni argomenti importanti riguardanti gli investimenti NPL, nonché notizie rilevanti.

Queste non possono essere di certo ignorate, anzi assicurati di seguire il blog o la pagina Facebook. Ti anticipo che sono tutte di grande conto, pertanto DEVI ASSIMILARLE.


logo Dottor NPL Dottor NPL è il primo e unico esperto sugli investimenti immobiliari NPL in Italia per privati, creatore del metodo più avanzato e redditizio NPL Advanced, nonché autore di "Come investire in NPL",  il libro di riferimento sull'argomento.

Vanta esperienza pluriennale... sin dalla nascita del primo affare NPL in Italia!
Vuoi avere il privilegio esclusivo di investire con il dottore?
Per la prima volta è possibile:  CLICCA QUI PER INGAGGIARLO!


CONDIVIDI SU: