FAMMI SCANDALIZZARE UN PO’ – Notizie recenti e rilevanti del mondo NPL Dicembre 2019

Con grande piacere per il sottoscritto, succede che anche nell’ultimo mese dell’anno la terza domenica è il 15: ti presento le notizie recenti e rilevanti del NPL Dicembre 2019!

In termini di quantità, la dose di questo mese non sarà molto diversa rispetto alle puntate passate.

Non per dire che voglio appesantirti troppo questa giornata!

Mentre si avvicina la fine dell’anno potremmo anche riflettere un momento su quanto successo nel 2019: grandi acquisizioni, affari astronomici e mutamenti spaziali sono solo alcune categorie di eventi importanti avvenuti negli ultimi 12 mesi.

Con l’arrivo del 2020, cos’altro sta succedendo nell’universo delirante degli NPL?

(si, qua nel mondo NPL si delira a manetta, Dottor NPL è il primo!)

Leggi per scoprire, tenerti aggiornato, iniziare il nuovo anno col piede giusto.. e continuare a fare investimenti stellari!

🙂

NOTIZIE NPL DICEMBRE 2019: IL MINISTERO DELLA DIFESA TORPILA IMMOBILI ALL’ASTA
Notizie NPL Dicembre 2019: Aste ministero giustizia

Indovina chi ha intenzione di svendere residenze? Il ministero della difesa sta per mandare all’asta – di nuovo – ben 39 immobili fino al 31 gennaio, riporta Idealista:

Prosegue la “caccia” alle occasioni residenziali di immobili all’asta. Questa volta è il turno della dismissione del patrimonio immobiliare del Ministero della Difesa(fino al 31 gennaio 2020).

idealista/news ha preparato una mappa con tutti gli immobili del Ministero della Difesa che finiranno all’asta, per conoscere gli appartamenti in vendita nelle città che più ti interessano basta “zoomare” nell’area geografica ricercata e cliccare sulle icone per scoprire base d’asta e link diretto all’annuncio sul sito del Notariato.

Si tratta, nella fattispecie, del 27° bando d’asta per la vendita di unità immobiliari residenziali libere del Ministero della Difesa. Le regioni interessate sono 8 per un totale di 39 immobili [..]

Ma prima di correre a mettere le mani sui relativi crediti NPL, ti faccio presente che NON è il classico scenario di un debitore che si trova nei guai con una banca.

Non c’è il creditore che sta pignorando forzatamente l’immobile e quindi non puoi andare da nessuno per comprare i crediti deteriorati.

Perciò, caro mio, non sono opportunità d’investimento favolose!

Al massimo puoi tentare di partecipare alle aste e pregare a Dio che le vincerai a prezzi vantaggiosi. Auguri!

Infatti il fatto che siano del ministero della difesa non vuol dire niente. Il successo potrebbe essere addirittura meno probabile di un’asta “normale”.

Ministero della difesa non presuppone privi di rogne. Non significa necessariamente che puoi rivenderli a caro prezzo sul mercato libero.

Visita la fonte per vedere tutti i dettagli delle aste, le location ed i prezzi degli immobili. SE SEI INTERESSATO A PERDERE TEMPO.

Sai invece cosa non è una perdita di tempo? Fare leva su NPL Advanced per lucrare su operazioni d’investimento avanzate e progettate con un mindset innovativo.

Fonte: idealista.it

NOTIZIE NPL DICEMBRE 2019: LE DIFESE DEI POTENZIALI ESECUTATI

Difese esecutati

Ad oggi in Italia sono in giro centinaia di migliaia di crediti NPL da comprare, ognuno un potenziale investimento diretto in NPL.

Ciò nonostante i debitori abbiano tutta una serie di paracadute, come spiega sempre Idealista:

Il Fondo Salva Casa, cos’è e come funziona

Come fare per evitare queste situazioni? E’ recente la notizia dell’introduzione, nel decreto di Bilancio 2020, del cosiddetto “Fondo salva casa”. Si tratta di un ammortizzatore sociale pensato da un lato per venire incontro alle famiglie che non riescono a saldare i propri debiti (e vedono quindi la propria casa a rischio di pignoramento), e contemporaneamente assicurare un rendimento al Fondo stesso.

[..]

Cos’è il Fondo morosità incolpevole

Quali altri mezzi sono a disposizione delle famiglie per salvare la casa dal pignoramento? Da un lato abbiamo il Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli, nato nel 2013 per venire incontro alle situazioni in cui vi sia “l’impossibilità al pagamento del canone di locazione a causa della perdita o della consistente riduzione del reddito del nucleo familiare”.

[..]

Come richiedere il bonus affitto

Tra gli strumenti di sostegno per coloro che non possono permettersi più l’affitto della propria casa figura anche il bonus affitto, o contributo affitto, più propriamente il Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione, che permette di ottenere un contributo di importo pari alla differenza tra affitto dell’inquilino e quello che questi pagherebbe se abitasse in una casa popolare.

[..]

Contributo affitto, come funziona

Ancora nell’ambito degli affitti, per coloro che sostengono canoni di locazione troppo alti e non vogliono correre il rischio di dover perdere la casa per sfratto, esiste il contributo affitto o bonus affitto. Si tratta di un contributo per le famiglie a basso reddito titolari di un contratto di locazione, allo scopo di rimborsarne il pagamento del canone qualora questo sia troppo gravoso.

Armi utili, si, ma..

Come vedi la gente ha a disposizione dei paracadute anche in caso di affitto.

In ottica di investimenti NPL, le casistiche che danno luogo ai crediti in sofferenza riguardano solo quelli che stanno cercando di acquisire casa e non ce la fanno: le armi rilevanti sono il Fondo Salva Casa e il Fondo morosità incolpevole.

Come detto però, questi strumenti – a parte che sono nuovinon cambiano la situazione generale del Belpaese: un’abbondanza di case stanno all’asta, facendo si che esista un fiume di opportunità d’investimento diretto in NPL, con tutti i vantaggi che ne conseguono (altissimi ritorni, tempistiche e rischio ridotte).

A proposito..

Vuoi saperne di più o investire subito?

Fonte: idealista.it

NOTIZIE NPL DICEMBRE 2019: IL VECCHIO CONTINENTE VA A RILENTO (MA NOI SIAMO SEMPRE GLI SCHUMACHER DELLA SITUAZIONE)

Freno

Secondo Deloitte, e raccontato da BeBeez, le cessioni di NPL in Europa sono calate quest’anno rispetto al 2018.

Attenzione, parliamo del continente complessivamente! Se altri paesi sono poco preoccupati di gestire NPL, qui le banche stanno ancora affogando in un oceano di non-performing loans.

I creditori italiani continuano a vendere come se non ci fosse un domani, per sbarazzarsene e pulire i bilanci, pena subire l’ira della Banca Centrale Europea.

Rallentano le cessioni di Npl in Europa, che sono scese del 30% nella prima metà del 2019, a quota 140,8 miliardi di euro, dopo il record di 200 miliardi di euro del 2018.

Lo rileva lo studio Deleveraging Europe, elaborato da Deloitte.

Del resto, lo stock di crediti deteriorati in Europa, su impulso dei regolatori e delle misure di derisking delle banche, è sceso a “soli” 636 miliardi di euro, portando l’Npl ratio (nell’accezione anglosassone, quindi il rapporto tra totale dei crediti deteriorati e totale dei crediti alla clientela) dal 3,6% di metà 2018 al 3% di metà 2019. In Europa,

Il record per numero di operazioni spetta sempre all’Italia: 82 su un totale di 207 nel 2018 e 42 su un totale di 113 nella prima metà di quest’anno.

Il nostro paese è primo anche per operazioni concluse e in corso dal 2014 a oggi, con deal per 238,8 miliardi di euro.

Anche il recente rapporto di Afme ha riconosciuto la “leadership italiana” nello smaltimento degli Npl (si veda altro articolo di BeBeez).

Tra le banche italiane, Deloitte ha calcolato che quelle che hanno ceduto più crediti deteriorati dal 2014 a oggi sono state: Unicredit (37,8 miliardi di euro), Banca Mps (35,1 miliardi) e Intesa Sanpaolo (28,2 miliardi).

A livello europeo, nello stesso periodo i maggiori acquirenti di Npl sono stati gli americani Cerberus (102,9 miliardi di euro), Blackstone(55,3 miliardi di euro) e Lone Star (49,2 miliardi).

E io mi scandalizzo. 

Se è vero che noi itagliani scimuniti abbiamo accumulato i volumi più importanti di NPL da 10 anni a questa parte, cosa aspettano certi paesi che a loro volta non possono stare troppo sereni?

Parlo di Spagna e Grecia per esempio, che qualcosa hanno fatto si, ma tutto sommato poca roba.

Fa niente, presto passo io anche da loro e curo tutto.

Preparatevi per il trattamento del Dottor NPL.

Fonte: BeBeez.it

COME UNA BORSA!

Scambio - exchange

Hai presente il piano terra della borsa, dove numerosi trader urlano franticamente 50 volte al secondo e corrono come le formiche per chiudere compravendite?

E’ un caos totale (a prima vista), dove se ci entri casualmente non ci capisci nulla.

La scena è una cosa di questo tipo:

Borsa

E’ proprio cosi il mercato NPL dello stivale, frenesia continua, un manicomio.

La tua porzione di notizie NPL Dicembre 2019 non poteva che continuare con questa news delIl Sole 24 Ore che scrive:

L’anno scorso sono stati eliminati 78 miliardi dai bilanci (dopo i 43 nel 2017 e i 17 nel 2016), le cessioni balzano a 67 miliardi (33 nel 2017) anche grazie alle Gacs del Tesoro, 11 miliardi le sofferenze chiuse in gestione ordinaria con tasso di recupero al 52%. Intanto i nuovi crediti in sofferenza si sono fermati a 19 miliardi, il flusso minimo dal 2009.

In primi l’autore sottolinea come sono RADDOPPIATE le cessioni di NPL.

Il primo paragrafo pittura un quadro generale dello storico italiano:

ROMA – La pulizia dei bilanci bancari dalle eredità delle lunghe crisi ha registrato un balzo nel 2018, anno in cui sono entrate pienamente a regime le Gacs del Tesoro, le garanzie sulle passività emesse nell’ambito delle cartolarizzazioni per le cessioni degli Npl.

Nel 2018 con questo canale che ha finalmente potuto raggiungere un mercato più ampio le banche hanno ceduto 67 miliardi (contro i 33 del 2017).

Tra le operazioni maggiori quelle di Mps e Banca Intesa, per 35 miliardi, dopo la mega-cartolarizzazione da 18 miliardi realizzata da UniCredit nel 2017.

Un nuovo bilancio aggiornato sui tassi di recupero delle sofferenze bancarie è stato pubblicato in una Nota di stabilità finanziaria e di Vigilanza della Banca d’Italia.

E mentre le banche miglioravano la qualità dei loro attivi con il deconsolidamento dei crediti a rischio, il flusso in entrata di nuove sofferenze è drasticamente rallentato: 19 miliardi nel 2018, il livello più basso dal 2009.

Ovviamente non copio e incollo tutta la notizia, ma aggiungo l’ultimo paragrafo particolarmente interessante sul 2019:

Quest’anno il calo del 21,4%

Passando al 2019, qualche giorno fa nelle statistiche Banca e Moneta, è stato indicato un calo del 21,4% delle sofferenze sui dodici mesi (in settembre la riduzione era stata del 21,7 per cento).

Anche in questo caso la spinta è arrivata soprattutto dalle cartolarizzazioni.

E’ di un mese fa la notizia dell’accordo tra doValue e Unicredit per la gestione in esclusiva, in qualità di master e special servicer, di un portafoglio di mutui residenziali in sofferenza del valore di circa 6,1 miliardi di euro (gross book value), sofferenze assistite, in larga parte, da garanzia immobiliare e distribuite sull’intero territorio italiano.

Per dimensioni, si tratta del più importante progetto di cartolarizzazione di Npl residenziali in Europa.

Niente male direi! Qui si galoppa e non si scherza!

Fonte: IlSole24Ore.com

MPS LA BAD BANK?

Notizie NPL Dicembre 2019: Bad bank

Ti ricordi il concetto di bad bank?

Te lo spiegavo settimana scorsa per farti imparare un po’ di cose nuove.

Bene, Monte Paschi di Siena, la più antica banca al mondo, si rivela anche la più problematica, almeno in Italia:

[..]

in casa Montepaschi continua a regnare grande cautela, visto che il problema della rimozione dei crediti deteriorati è tuttora alla ricerca di una soluzione.

Si parla da tempo di un intervento di Amco (l’ex Sga), previo scorporo di una porzione cospicua di Utp e Npl da cedere ad una “bad bank” interna che Amco poi rileverebbe

[..]

l’idea che sembra ormai aver preso piede è di creare una vera e propria “bad bank” che verrebbe poi fusa con Amco, che il Tesoro poche settimane fa ha già ricapitalizzato per un miliardo, soldi poi utilizzati per comprare circa 2,8 miliardi di crediti deteriora di Banca Carige.

A quel punto Amco si ritroverebbe con in pancia, secondo le ultime ricostruzioni, un portafoglio che potrebbe essere composto al 70% da Utp (che in casa Mps sono coperti mediamente per il 41,5%) e per la parte restante da Npl (coperti al 61,7% in media).

Insomma, MPS è proprio una patata bollente.

Dopo una serie di cessioni NPL colossali, hanno ancora montagne di crediti deteriorati, talmente tanti che faticano a passare le palle.

Prendi il popcorn, io ti terrò aggiornato sulle evoluzioni.

Fonte: AffarItaliani.it

Le notizie NPL Dicembre 2019 finiscono qui.

Il 2019 a sua volta sta finendo, tuttavia i contenuti sulla Gazzetta degli NPL non finiranno mai!

Continua a seguirla, fati investire come nei tuoi sogni è la mia missione.

Al tuo successo,
Dottor NPL.


logo Dottor NPL
Dottor NPL è il primo e unico esperto sugli investimenti immobiliari NPL in Italia per privati, creatore del metodo più avanzato e redditizio NPL Advanced, nonché autore di “Come investire in NPL”,  il libro di riferimento sull’argomento.


Vanta esperienza pluriennale…
sin dalla nascita del primo affare NPL in Italia!

Vuoi avere il privilegio esclusivo di investire con il dottore?

Per la prima volta è possibile:  CLICCA QUI PER INGAGGIARLO!

CONDIVIDI SU: