NON investire nel settore immobiliare con questi metodi

Bentornato sulla gazzetta. Sai, in contesti sociali, mi trovo spesso a rispondere alla classica domanda “in cosa non investire nel settore immobiliare“.

Che sia una chiacchierata ad una festa, piuttosto che un bicchiere di parole durante l’aperitivo, il quesito sorge sempre.

Sebbene salta fuori ogni due per tre, sinceramente non mi da’ fastidio ribadire in cosa non investire nel settore immobiliare, anzi la domanda è molto naturale.

(se fossi uno dei miei clienti, la farei su base regolare pure io… visto che il mercato cambia continuamente!).

Dunque fammi proseguire il “tema” che ho iniziato settimana scorsa.

Sarebbe, cosa non consiglio di fare e a chi non consiglio di fare.

Ora voglio dirti che quando aprii la gazzetta non avevo alcuna intenzione di discutere le cose sotto questi punti di vista, ma ora, vista la frequenza dell’argomento, credo che ne vale la pena di iniziare ad approfondire il discorso.

Lascia che ti spieghi con quali strategie non investire nel settore immobiliare…

NON INVESTIRE NEL SETTORE IMMOBILIARE CON IL METODO… DELL’IGNORANZA

Non investire nel settore immobiliare - ignoranza

Facciamo un passetto indietro, ragionando sul tuo obbiettivo.

Hai raggiunto ormai un punto molto importante della tua vita.

Dopo aver lavorato duro per anni, magari sei già uscito dalla famigerata corsa del topo…

L’operaio medio appunto vive come un topo, o un criceto, costretto a correre in una ruota che gira all’infinito.

Invece grazie al tuo mastodontico impegno nelle attività lavorative, hai detto o puoi dire addio al fare avanti e indietro in ufficio dalle 9 alle 5.

Questo vuol dire poter sfruttare le tue risorse e ampliare il tuo patrimonio senza fare affari che dipendono dal tuo tempo.

D’altronde, è solo giusto che – raggiunto questo traguardo – sia possibile far lavorare il denaro per te e non (più) viceversa! Spendere gran parte del proprio tempo per un introito fisso è roba da matti!

Quindi inizi a riflettere. Riflettere, riflettere, riflettere.

Riflettere su cosa?

Sul COME far lavorare il denaro.

Naturalmente, di solito si tratta di investimenti.

Ma c’è un problema non di poco conto: la maggior parte sono altamente rischiosi, e quelli che non lo sono… rendono cosi poco che possono aver senso solo per Noè.

Solo che non tutti noi comuni mortali viviamo 900 anni…

Perciò devi affrontare un dilemma: investi in roba pericolosa, rischiando di perdere il frutto del tuo assiduo impegno, e bruciando i tuoi sogni?

O punti su proposte “sicure”, guadagnando se ti va bene un pugno di centesimi all’anno?

Sai, Warren Buffett ha il rispetto di mezzo mondo per esser diventato uno degli uomini più ricchi in assoluto, grazie ad investimenti a lunghissimo termine.

Per la cronaca ANCHE IL MIO ce l’ha, però capperi… vattela-puppazza-della-luna-sul-colle-delle-iene-non-so-cosa-sto-dicendo, quanto riesci a goderti la vita se ormai hai una certa età?

Warren ha comunque optato volutamente per uno stile di vita frugale (scelta nobile); invece per chi vuole gustarsi le esperienze dell’umanità moderna?

Vedi, le stesse riflessioni le facevo anche io.

SCELTE E SCELTE

Perché da una parte vedo le proposte che hanno basso rischio ma rendono poco…

… per esempio le obbligazioni al 1%. A che pro? Dimmelo. Dimmelo!!!

… oppure i pacchetti azionari che SE hai fatto la scommessa giusta, rendono forse al 5%. Ok, parliamo di 5 volte di più rispetto alle obbligazioni, ma è sempre una piccola percentuale.

Per dipingere un quadro più completo, prova a pensare a quanto dovresti avere sul conto corrente per guadagnare in maniera significativa col 5%; te lo dico io, una bella barchetta di soldi.

Il che vuol dire che devi avere già un patrimonio importante… ma a quel punto il 5% non ti cambia di certo la vita.

Eppure le banche continuano a proporti allegramente queste cose, come se fossero il Santo Graal.

Se ultimamente non ci hai avuto a che fare, fai un salto domattina alla filiale più vicina di una banca qualsiasi; chiedi cosa ti propongono, e poi lasciami un commento!

Faremo una risata insieme.

Dall’altra parte ci sono le opportunità ad altissimo rendimento ma rischio altrettanto alto…

Il classico esempio? Margin trading!

Margin trading è una meraviglia della finanza: puoi investire pochi euro (per dire, anche soli 100) e moltiplicarli esponenzialmente arrivando a 1000 in un colpo.

Questa cosa sembra uscita dal repertorio di tecniche subdole dei più grandi truffatori, ma funziona davvero!

Il perché diventa presto chiaro, se approfondisci il meccanismo: in caso di perdite si moltiplicano anche quelle.

Eh già, e ciliegina sulla torta: è 1000 volte più probabile che tu PERDA.

E’ un po’ come tentare la lotteria, con la piccolissima differenza che non solo è difficile vincere… se perdi sei nella m***a fino al collo.

Intesi?

IL METODO DELL’IGNORANZA E’ L’ACCELERATORE DEL FALLIMENTO

Lo so cosa stai pensando, e io non ti dirò ora “la soluzione è semplice: investi nell’immobiliare, punto e stop” per tirare acqua al mio mulino.

Perché in realtà pure nell’immobiliare – considerato il classico settore sicuro – c’è la possibilità di farsi male, molto male.

Quindi, primo sulla lista dei metodi  con cui non investire nel settore immobiliare è l’ignoranza.

Vedila come la legge indiscussa della sopravvivenza: solo quelli sul pezzo e allineati con tutti gli sviluppi dei mercati sanno QUANDO, DOVE e COME investire con successo.

I rimanenti… alimentano i successi di quelli bravi.

Quindi cosa ti sto dicendo?

Ti sto dicendo che:

1) è possibile fare investimenti che combinano il meglio dei due mondi (l’alto rendimento degli tecniche estremamente pericolose con il basso rischio delle strategie a lungo termine)

2) sono possibili solo se hai determinate conoscenze, competenze, capacità (per cui, una volta che finisci l’articolo, non correre la fuori per fare di testa tua e buttare i tuoi soldi… ti asfalterò io la via della buona riuscita!)

Ti prego, fatti un favore e non investire nel settore immobiliare prima di approfondire il panorama.

Ti farò ora vedere, spiegandoti passo per passo, COME bisogna investire ad oggi nell’immobiliare e PERCHE’ bisogna investire in quel modo.

QUANDO IL MARTELLETO COLPISCE IL BLOCCHETTO

Non investire nel settore immobiliare - martelletto

Ti voglio parlare ora di un metodo d’investimento immobiliare classico, che dovresti già avere presente: l’asta immobiliare.

Cavolo, la conosce pure mia nonna.

Forse anche il mio cane… ma se mai ci andasse, qualcosa mi dice che si limiterebbe a guardare orizzontalmente il giudice…

L’asta immobiliare è la scelta classica degli investitori illusi alle prime armi che si approcciano al mondo immobiliare esaltati.

Si sono fatti eccitare da qualche guru che ha dimostrato il suo successo economico (reale) e sono rimasti convinti che hanno scoperto la miniera d’oro.

Per la cronaca – lo dico subito – questi guru hanno veramente gonfiato le loro tasche grazie alle aste, perché erano un oceano di opportunità.

Fai caso che ho detto era….

Il fatto è questo: parliamo di qualcosa che NON FUNZIONA PIU’ COME UNA VOLTA.

Per tale motivo, secondo sulla lista dei metodi  con cui non investire nel settore immobiliare è l’asta giudiziaria.

SMASCHERAMENTO!

Ora ti svelo quello che i profeti delle aste non ti diranno mai, in nessun caso.

La ragione per cui hanno potuto fare dei bei colpi è che sono stati tra i primi a investire anni fa, quando le aste si aprivano al pubblico.

Infatti all’inizio non poteva accederci chiunque: solo quei pochi addetti ai lavori, figure come avvocati, avevano la possibilità di comprare all’asta e fare operazioni.

Poi il sistema della giustizia ha iniziato ad aprire largamente le porte, cosi anche Tizio Caio ha potuto bagnarsi i piedi.

Bene, adesso ti chiederai cos’è successo successivamente… semplice, come naturale conseguenza dell’abbassamento delle barriere d’ingresso, il mercato si è affollato in men che non si dica.

Oggi come oggi ti serve tanta, ma tanta fortuna per fare un buon affare.

TI ANTICIPO COME FINISCONO

Gli scenari di solito sono due:

1) l’asta è deserta, perché l’immobile in questione ha troppi problemi e non vale la pena (e se tu hai valutato male e ci sei andato, hai buttato via il tuo tempo e soldi)

2) l’asta vede la partecipazione di numerosi individui, tutti in cerca di fare jackpot, col risultato che è impossibile acquistare una casa scontata (per via della concorrenza, il prezzo salirà e salirà e salirà… anche perché non manca mai quello che si lascia prendere e si scorda perché era li)

Chiaramente i “veterani” delle aste riescono ancora a fare qualche affare, grazie non a caso alla rete di contatti e relazioni che hanno consolidato, per cui insisteranno sempre che la carne si può ancora mettere al fuoco.

Ma per te che sei inevitabilmente l’ennesimo investitore… è DURA!

Ti posso dire inoltre che pure io seguivo le aste fino a non molti anni fa. Si, era la terra delle opportunità… ma la pacchia è finita, BISOGNA CAMBIARE DIREZIONE.

Ripeto, non investire nel settore immobiliare comprando case all’asta. Lo dico per te questo, io non ci guadagno nulla se tu eviti le aste.

Per riassumere, l’asta immobiliare ad oggi è un veicolo d’investimento complesso, che richiede capitali importanti, e nonostante ci siano ancora ostacoli a livello economico è molto difficile fare affari. Il chiodo che sigilla la tomba è che ha una lunga durata (facilmente 2-3 anni).

BARBATRUCCHI CONVENIENTI…. O FORSE NO!

Non investire nel settore immobiliare - trccuo

Prendiamo nel mirino una tecnica più semplice, ma altresì popolare proprio per via della sua semplicità.

E’ la famosa cessione di compromesso; se non hai presente il metodo, è perché nel parlato a volte si usano parole più semplici.

Ad ogni modo, consiste nel fare leva su un barbatrucco carino per una casa che qualcuno sta vendendo e rivenderla ad un prezzo più alto ancora SENZA SBORSARE I SOLDI CHIESTI DAL PROPRIETARIO ORIGINALE.

Supponi che il tuo vicino sta vendendo la sua casa per 100.000€. Gli dai 5000€ per acquisire i diritti di agire come se fossi il proprietario, dai una sistemata all’appartamento, lo vendi per 110.000€.

95000€ gli darai al tuo vicino per soddisfare il suo prezzo originale, e ti intaschi i rimanenti 5000€ come profitto.

Semplice, no?

ATTENZIONE: semplice non vuol dire facile o privo di rischio!

Se fosse la tecnica perfetta, stai tranquillo che il sottoscritto avrebbe fatto sempre e solo cessioni di compromesso 🙂

Lascia stare che 5000 sono briciole: era un esempio fittizio, inventato da me per spiegarti come funziona.

Non per dire che in pratica si guadagni cifre da capogiro, ma ci sono problemi ben più importanti.

Poiché è una tecnica adatta a tutti gli investitori alle prime armi, accessibile praticamente a chiunque (ci sono ulteriori accorgimenti per non pagare nemmeno gli anticipi), la competizione non conosce limiti.

Non solo: il rischio è notevole.

Nel momento in cui trovi l’affare, l’immobile è in vendita a prezzo di mercato (ovvio).

Questo significa che, per far pagare a fior di quattrini il tuo cliente e marginare, il prodotto finale deve essere molto, molto convincente.

Insomma, finché è un prezzo è in linea col mercato (o scontato), sai che è solo una questione di tempo per vendere.

Chiedi di più, e… incrocia le dita, perché a quel punto ti servono cose che non puoi controllare, come la fortuna.

Per i troppi inconvenienti, terzo sulla lista dei metodi con cui non investire nel settore immobiliare è la cessione di compromesso o short trading.

In sintesi, la cessione del compromesso è un metodo troppo semplice con la conseguenza che hai un basso margine di guadagno e un alto rischio.

Ma facciamo un salto nella fascia alta… vediamo se quel contesto è immune alla lista dei metodi con cui non investire nel settore immobiliare!

LASCIAMO PERDERE I GIOCHI DA BAMBINI E PARLIAMO DI COSE SERIE

Non investire nel settore immobiliare - ninja

Ok, era forse abbastanza abbastanza prevedibile che ti avrei detto di non investire nel settore immobiliare con le strategie più banali o più comuni.

Ci sono ben tante altre tecniche d’investimento immobiliare.

Anziché raccontartele tutte, mettiamo sotto i riflettori e sul palco una delle più avanzate, che dici?

Bene.

Un modo un po’  meno noto per investire nel mattone, ma che comunque viene pubblicizzato tantissimo ultimamente, è il cosiddetto saldo a stralcio (o “saldo e stralcio”, come dice qualcuno).

In soldoni, è l’azione del saldare il debito di un soggetto che sta perdendo la casa all’asta nel contesto di una vendita forzata (pignoramento) tramite intermediazione.

Fondamentalmente l’investitore fa da tramite, trovando un acquirente che prende l’immobile a prezzo di mercato mentre il creditore si tiene solo una percentuale.

L’altra percentuale va a chi? All’investitore, ovviamente!

Il creditore si accontenta con una parte perché l’investitore gli offre una exit strategy immediata (dai, uso un po’ di paroloni anch’io, per non far arrabbiare i profeti che hanno forse già provato a farti diventare loro adepto sugli stralci).

In assenza di un investitore che si mette di mezzo, la banca ha come unica strada quella del pignorare la casa, che coi tempi biblici del ministero della giustizia… farebbe prima a cancellare i debiti e scordarsi tutto.

Già, è cosi rognosa la situazione per le banche creditrici.

Uno stralcio è impressionante in confronto ai metodi più classici e semplici: il ritorno sull’investimento, o ROI, è più o meno il 20%, anche 30% in alcuni casi ecclatanti.

Stratosferico se pensiamo al 1% delle obbligazioni!

Purtroppo però il bello finisce qui: le tempistiche sono spesso simili a quelle delle aste immobiliari, metti in conto di far rientrare i tuoi capitali tra qualche annetto.

Mi basta solo questo per iniziare a consigliarti di non investire nel settore immobiliare con lo saldo a stralcio.

Inoltre quest’aspetto mi ricorda un po’ il discorso che ti facevo all’inizio… Santo Cielo, se la vita è breve, riuscirai mai a fare molto ?

Non so te, ma io proverei a vedere se c’è di meglio… però forse ho un’idea…. dopo averci ragionato a lungo, ho ideato una potenziale tecnica da escludere dall’elenco dei metodi con cui non investire nel settore immobiliare.

PS: ti diranno che per gli stralci c’è un segretino per non dover avere liquidità, cioè che potresti fare un’operazione con una delega di 300 euro… diciamo solo che se la tecnica fosse realmente cosi accessibile, saremmo già un popolo di ricchi sfondati 🙂

E ORA ANDIAMO DRITTI AL SODO

Non investire nel settore immobiliare - sodo

I formatori autoproclamati esperti ti vendono tutte quelle tecniche tramite corsi che se non fai potresti permetterti una macchina in più.

Ai di là dei costi esorbitanti,  a me per esempio fa ridere come cercano di invogliare i corsisti tramite location esotiche.

“Aste immobiliari in Africa!”

“House flipping negli Stati Uniti!”

E cosi via.

A parte che l’andare in un mercato estero che non conosci è la ricetta perfetta per prosciugare il tuo conto corrente con la velocità della luce, io direi di valutare le tecniche di investimento in base ad attributi OGGETTIVI:

  1. ROI
  2. rischio
  3. durata

Se una tecnica brilla in tutte e tre le categorie, a mio avviso è vincente e questo è il vero indicatore di validità (e superiorità).

Concordi?

Dopo tutto quello che abbiamo visto sul come NON investire nel settore immobiliare… se ti dicessi che esiste un altro metodo, incredibilmente più redditizio rispetto a tutti gli altri, con basso rischio e tempistiche ridotte?

Finora abbiamo visto vari modi per generare utili con le case.

Alcuno abbastanza redditizio, altri meno. Alcuni molto impegnativi, altri meno.

Ora vediamo il metodo definitivo oggi in Italia (e ti prometto che lo sarà ancora per diversi anni!).

Leggi attentamente le prossime righe, perché – in funzione di quanto capirai il discorso – ti possono cambiare per sempre la vita.

Via!

SCENARIO

Supponiamo che stai trovando un’opportunità di investimento immobiliare residenziale e agisci come investitore privato e indipendente:

A Milano, una persona qualunque rimane indietro con i pagamenti delle rate del suo mutuo..

Passa un mese, arriva la nuova rata da pagare ma al tempo stesso arrivano anche spese condominiali: a sto punto è già impossibile saldare tutto e rimane ancora più indietro.

La banca lo etichetta come cattivo pagatore: il credito diventa una esposizione rischiosa (credito rischioso).

Passano 180 gg: è stata raggiunta la soglia critica e l’esposizione diventa un credito deteriorato (definito NPL).

La banca, non avendo alternative, procede al pignoramento, ovvero tramite il tribunale organizza l’asta per la vendita forzata della casa (che avrà luogo nel futuro, non subito).

La persona diventa l’esecutato.

Successivamente l’annuncio appare su astegiudiziarie.it, il portale di riferimento sulle aste.

Nell’immediato, analizzi tutti i dati dell’immobile, dalla perizia alle foto; non noti problemi evidenti (rogne che possono impedire la vendita dell’mmobile), e te lo segni come potenziale opportunità.

In un secondo momento, vai a visionarlo di persona (è un tuo diritto).

Contatti la banca e inizi a discutere la situazione col direttore di competenza (molto prima che l’asta si tenga).

Fai una proposta creativa alla banca, che sarà 50% o meno del valore del credito, cosi c’è ampio margine di guadagno; supponiamo che il credito è di 200.000 euro e offri 80.000 euro.

La banca accetta e TU diventi il creditore.

La banca elimina e si scorda tutti i debiti nel confronto della persona che ha fatto il mutuo originale (l’esecutato).

Se lo ritieni necessario, procedi con l’home staging, sistemando l’immobile per la vendita finale.

Scorre il tempo che deve passare e ha luogo l’asta; a questo punto è sufficiente che si vende a prezzo di mercato e non necessariamente ad una cifra altissima: tu hai un eccellente ritorno sull’investimento a prescindere, perché lo hai pagato una frazione del valore reale!

L’immobile viene venduto per 230.000 e i tuoi capitali rientrano assieme al guadagno lordo di ben 150.000 euro; successivamente paghi le plusvalenze e il denaro rimanente sarà il profitto netto.

Alla luce di questo scenario, credo che inizia già a diventare chiaro perché insistevo a non investire nel settore immobiliare con le tattiche di prima 🙂

SI CHIAMA NPL ADVANCED E NON APPARIRÀ MAI NELLA STESSA FRASE CON “NON INVESTIRE NEL SETTORE IMMOBILIARE”

NPL Advanced logo 2

Ti sintetizzo le fasi di un investimento NPL Advanced.

NPL ADVANCED: LE 4 FASI

  1. individuare un’opportunità (esecuzione immobiliare in corso)
  2. analizzare la situazione e redigere business plan, determinando il potenziale ritorno sull’investimento o ROI
  3. intercettare e negoziare con i creditori un ribasso del debito per acquistare il relativo credito a forte sconto
  4. rivendere l’immobile per far rientrare i capitali assieme agli utili

Nota bene: per semplificare, abbiamo ipotizzato una situazione “classica”; non è detto che il creditore sia unico, o che sia sempre una banca, e la “vittima” potrebbe essere pure un’azienda.

I crediti deteriorati si suddividono in varie tipologie, cosi come gli immobili. Il metodo NPL Advanced prende di mira crediti ipotecari correlati a residenze.

Ok, pare interessante, ma perché NPL Advanced è il metodo pù remunerativo?

Ora ti faccio vedere come funziona…

Il segreto di NPL Advanced sta nel fatto che tu intervieni PRIMA.

Prima rispetto a cosa? A tutto!

Prima dell’asta, prima addirittura di altri investitori.

Esatto, perché una volta che tu sei diventato creditore potrebbe entrare in gioco un investitore interessato a fare lo saldo a stralcio (altra tecnica di investimento immobiliare)… e tu venderai al nuovo attore!

E questo è solo l’inizio, se hai creatività solo il cielo è il tuo limite.

L’asta può essere annullata dal creditore, quindi in alternativa puoi anche ingaggiare un’agenzia immobiliare per vendere la casa in tempi molto rapidi!

Fammi capire dottor, di che tipo di ritorni stiamo parlando in linea di massima?

Il mio ROI medio è di 88%, ma per le singole operazioni si può arrivare a 200% e oltre, se sei bravo.

Senza dubbio, NPL Advanced è la strategia d’investimento immobiliare più profittevole e spesso anche la più veloce: in meno di un anno si chiude un’operazione (da quando compri NPL a quando rientrano i capitali).

In condizioni ideali potresti chiudere le operazioni anche in soli 15 gg, se accadono determinate cose.

ALTRO CHE BARBATRUCCHI

Ti ho accennato prima che NPL Advanced riduce al minimo pure il rischio.

Com’è possibile?

Grazie a due fattori critici:

  1. NPL Advanced non è speculazione; vale a dire, non si sta scommettendo su un potenziale aumento (o diminuzione) del valore del bene
  2. la completezza della procedura consente di stabilire senza errori la fattibilità di un investimento a priori

Investendo con NPL Advanced, anche tu puoi goderti questi benefici.

Non investire nel settore immobiliare facendo aste, cessioni, stralci, sublocazioni, frazionamento, cambi d’uso e tutte quelle strategie che si funzionano… però se mi permetti sono giochi da pivelli in confronto!

Per non parlare poi dell’immensa soddisfazione nel cambiare la vita della persona impattata.

Come?

Quello che accade molto spesso quando NON interviene un investitore è che la casa viene venduta all’asta a prezzo troppo basso e il creditore non recupera tutto, sicché successivamente pignora lo stipendio dell’esecutato (!).

Inoltre, tipicamente l’esecutato ha anche altri debiti (per esempio, una cucina che pagava sempre a rate), e quindi il debito totale ammonta a molto più di quanto vale la casa..

L’effetto è che anche se la casa viene venduta a prezzo di mercato, il debitore è ancora in difficoltà!

Infine grazie agli interessi di mora, il debito è talmente pesante che molti hanno lo stipendio pignorato A VITA!

Mio Dio!

Eh si!

SHOCK ALL’ENNESIMA POTENZA

Come “scappatoia”, alcuni si cercano poi lavoro in nero, ma evidentemente non è una soluzione..

Anzi, è peggio ancora.. (per non dire che a questo punto sono pure dei fuorilegge!)

Non finisce qui, perché il coltello non è ancora stato girato per bene.

Colpo di grazia: l’esecutato viene messo sulla lista nera del sistema bancario, tale che gli vengono chiusi tutti i conti correnti e non può aprirne altri mai più.

Questa è la MORTE FINANZIARIA! L’esecutato è rovinato!

Capisci quindi come – tramite questa procedura di risoluzione dei debiti – crei ENORME VALORE per le vittime (delle loro scelte passate), e di conseguenza puoi guadagnare più di quanto hai mai pensato sia possibile!

L’investitore salva l’esecutato perché nel momento in cui prende la casa, la banca cancella tutti i debiti del soggetto in questione.

Come abbiamo visto anche prima, la banca vuole dare la casa all’investitore a poco prezzo e al tempo stesso dimenticare i debiti dell’esecutato perché il pignoramento è una rogna insormontabile.

La vuole evitare a tutti i costi (letteralmente!).

Può essere molto lunga e difficile e quindi costare ulteriore tempo e soldi.

Per intenderci, ci possono volere anni per portarla a termine.

Esempio di casistica: i “proprietari” (debitori) tengono l’immobile occupato e ci vogliono due anni per buttarli fuori.

Ce ne sono ben tante altre, ma fatto sta che il pignoramento è molto lungo e laborioso, principalmente per colpa del sistema giudiziario.

Aspetta… nessun neo? Non mi dire che non ce ne sono perché non ci credo.

Applicare NPL Advanced, ed investire in NPL in generale, non è facile. Te lo dico senza cercare di addolcire.

Ma questa “barriera d’ingresso” fa si che le ricompense siano favolose, e che il mercato abbia un senso di esclusività.

Preferisci fare il viaggio con una 500.. o una 458?

Perfetto.

Per ora concludo il discorso facendoti presente una cosa molto importante..

LA CARNE E’ SUL FUOCO

Mai come adesso è il momento opportuno per investire in NPL.

Perché?

La ragione è questa: il mercato è totalmente esplosivo.

I punti chiave del mercato sono questi:

  • con volumi di centinaia di miliardi di euro di NPL, l’Italia è il più grande mercato NPL in tutta Europa
  • le banche che possiedono gli NPL li devono vendere a tutti i costi (letteralmente) per porre stop alla loro continua emorragia di soldi
  • la Banca Centrale Europea (BCE) tartassa (comanda) le banche italiane per vendere il prima possibile
  • il governo italiano a sua volta incentiva le banche a smaltire con iniziative di supporto (GACS – Garanzia Cartolarizzazione Sofferenze)

L’Italia chiudeva il 2017 con un volume di circa 300 miliardi di esposizioni rischiose e 64 miliardi euro di transazioni NPL, mentre per il 2018 si superano i 100 miliardi euro di transazioni NPL.

“[…] Il che significa che quest’anno potrebbe essere superata la soglia dei 100 miliardi di euro di transazioni […]”

Fonte: BeBeez / Milano Finanza

RIPETO, L’ITALIA E’ IL BACINO DI NPL PIU’ GRANDE D’EUROPA: NON INVESTIRE NEL SETTORE IMMOBILIARE PUNTANDO SUI SOLITI MERCATI!

Diciamo che c’è tanto pesce nell’oceano, sei d’accordo?

Benissimo.

Certo, leggo X miliardi venduti di qua, Y miliardi venduti di la… devo solo diventare un Bill Gates 2 per investire, facile eh?

Non ti preoccupare, puoi iniziare anche da 100.000 euro.

C’è un solo “ma”: bisogna agire ora.

Sotto pressione della BCE, le banche italiano fanno il possibile per sbarazzarsi di NPL e tenere la situazione sotto controllo andando avanti.

Questo significa una pioggia di opportunità d’investimento nell’immediato, ma al tempo stesso…

…col passare di tempo, il mercato si riduce, e tra qualche anno non si potrà più pescare!

Per metterti la ciliegina sulla torta – questa volta non ironica – ti faccio iniziare alla grande e con zero sforzo da parte tua.

Com’è possibile?

Molto semplice: ti fornisco una soluzione “chiavi in mano”.

A differenza dei formatori, io non ti chiedo sacchi di soldi per fare corsi che non ti garantiscono nulla. Si, impari la teoria, ma nessun corso di questo mondo può darti esperienza in cambio di denaro.

Non investire nel settore immobiliare per conto tuo, ti servirà tempo che non hai solo per acquisire un minimo di esperienza. Per non parlare delle risorse che dovresti impiegare per procurarti tutti gli strumenti necessari solo a iniziare

Io ti darò una sola cosa: RISULTATI. Investi con me, e devi solo preoccuparti di INCASSARE.

>> Puoi cliccare qui per entrare in contatto diretto con me, dottor NPL, ed iniziare subito ad investire grazie alla mia ampia esperienza. <<

Infatti, avendo lavorato sul campo NPL per un periodo pluriennale, ho perfezionato una procedura che mi permette di investire con successo in maniera consistente.

Mi occuperò personalmente di investire il tuo capitale, e tu non dovrai alzare nemmeno un dito!

Non investire nel settore immobiliare con le solite metodologie trite e ritrite. L’obsolescenza è inevitabile, ma tu puoi essere un passo avanti.

>> Contattami ora. <<

Al tuo successo,

Dottor NPL.


logo Dottor NPL Dottor NPL è il primo e unico esperto sugli investimenti immobiliari NPL in Italia per privati, creatore del metodo più avanzato e redditizio NPL Advanced, nonché autore di "Come investire in NPL",  il libro di riferimento sull'argomento.

Vanta esperienza pluriennale... sin dalla nascita del primo affare NPL in Italia!
Vuoi avere il privilegio esclusivo di investire con il dottore?
Per la prima volta è possibile:  CLICCA QUI PER INGAGGIARLO!


CONDIVIDI SU: