Cose che dicono gli altri sugli NPL: TI LASCERANNO A BOCCA APERTA

Non sono solito a scrivere contenuti in formato “notizia”, ma le cose che dicono gli altri sugli NPL – solitamente sotto forma di news – confermano completamente tutto ciò che hai già appurato seguendo la gazzetta.

Voglio farti vedere le cose che dicono gli altri sugli NPL per un semplice motivo: non devi credere a me quando ti parlo di fatti incredibili.

E’ normale che tu sia diffidente quando ne senti parlare per la prima volta, sembra tutto troppo bello per essere vero.

Ad oggi poi le truffe sono sempre dietro l’angolo!

Non ti preoccupare, io ti capisco; anche perché sono stato il primo a non credere quando mi hanno addestrato sugli NPL eoni fa…

Quindi, dal mio punto di vista, è normale e importante presentare evidenze credibili e verificabili.

ATTENZIONE! le informazioni che sto per silurare nella tua direzione ti sorprenderanno più di quanto pensi…. preparati perché adesso si comincia…

LA CRITICITA’ DEI CREDITI DETERIORATI NPL NEL BELPAESE: UNO STORIA DI SHOCK E… POTENZIALE SUCCESO

Cose che dicono gli altri sugli NPL shock e successo

Partiamo con un LUNGO e OTTIMO articolo che definisce gli NPL…
descrive quanto è grave la situazione dei volumi enormi per le banche…
come funzionano gli investimenti in NPL…

e come le banche sono costrette a venderTI crediti NPL a prezzi svantaggiosissimi per loro!

Tra le varie cose che dicono gli altri sugli NPL, le parole di Valigiablu.it potrebbero essere le più belle: spiega con una chiarezza e completezza formidabile cosa sono gli NPL.

Sai cosa, non appena finisco di scrivere questo pezzo salto in macchina e vado a dare una stretta di mano all’autore. Complimenti!

Il sito inizia col ricordare alcuni numeri da capogiro, che difficilmente si ripeteranno nella storia…

Hanno raggiunto la quota di 1 triliardo bilione* (mille miliardi) di euro, sono nella pancia di tutte le banche d’Europa e si trovano soprattutto in Italia.

Tutti vogliono liberarsene, la Banca centrale europea (BCE) cerca di capire come gestire la patata bollente, i governi nazionali provano a districarsi tra soluzioni alternative mentre le altre istituzioni comunitarie arrancano.

Stiamo parlando degli NPL, cioè i Non Performing Loan, ovvero prestiti non performanti (anche se in italiano si usa l’espressione “crediti deteriorati”).

Un argomento di cui si discute da diverso tempo, che sembra apparentemente molto tecnico, ma che sta pian piano svelando la sua importanza per la ripresa del sistema economico del nostro paese e non solo.

Valigiablu sottolinea inoltre, citando Il Sole 24 Ore, come la fetta più grande della torta è l’Italia:

[..] la gravità della situazione attuale è dovuta alla mole di crediti deteriorati che si sono accumulati nel sistema bancario europeo: si stima che siano presenti circa un trilione bilione (cioè mille miliardi) di euro di NPL. La quota maggiore è italiana, dove gli NPL pesano circa il 16,4% del totale dei crediti.

Tra le cose che dicono gli altri sugli NPL, l’articolo Valigiablu è il più lungo che cito in questa pagina, ma sai cosa? Ne vale pienamente la pena di leggerlo!

Data: Marzo 2017
Fonte: Valigiablu

IL MERCATO NPL ITALIANO E’ UN OCEANO DI OPPORTUNITA’ PER INVESTITORI – ED I CREDITORI SONO OBBLIGATI A SERVIRTELE SUL PIATTO

Motivi per investire in NPL - certezza di trovare opportunità

Mentre pensavo alle cose che dicono gli altri sugli NPL nella mia testa, ho deciso di fare selezione e riportare solo quei articoli che o sono particolarmente ricchi di informazioni utili, o sono molto ben focalizzati su un determinato argomento.

Questa mini-guida di Money.it rientra nella seconda categoria.

Money a sua volta spiega e conferma alcuni aspetti estremamente importanti dell’attuale mercato NPL in Italia:

  • le banche italiane hanno i volumi più importanti di NPL in Europa
  • devono fare il tutto il possibile per sbarazzarsene
  • il governo italiano aiuta e spinge le banche
  • la Banca Centrale Europea (BCE) pressa le banche

Mai come adesso ci sono state cosi tante (e cosi appetibili) opportunità per investitori, grazie ai punti appena menzionati!

Money scrive:

Crediti deteriorati: la situazione delle banche italiane

Negli ultimi mesi si è sentito parlare sempre più spesso dei Non-performing loans (NPL) detenuti dal sistema bancario italiano.

Le banche italiane detengono un ammontare di questi crediti non performanti pari a circa 3 volte la media europea e adesso si sta cercando una soluzione che ne permetta lo smaltimento dai bilanci degli istituti di credito.

Recentemente il governo italiano ha trovato un accordo con l’Unione Europea per cercare di migliorare la situazione delle banche italiane, troppo esposte al fenomeno dei NPL (più noti in Italia con il nome di crediti deteriorati).

[..]

C’è infatti la necessità per gli istituti di credito italiani di liberarsi di questi crediti che richiedono accantonamenti di capitale sempre più consistesti che inficiano così sulla redditività degli istituti.

Perché le banche italiane hanno tanti crediti deteriorati?

[..]

Le difficoltà degli istituti di credito italiani sono legate a 2 motivi: le cattive gestioni passate, che hanno permesso una concessione di crediti di dubbia futura esigibilità e alle scarse condizioni finanziarie delle imprese e delle famiglie italiane.

[..]

Il governo quindi, dovrà effettuare delle riforme a sostegno dell’impresa, così come spiegato dal presidente della BCE, Mario Draghi, più volte durante i suoi interventi, altrimenti ogni tentativo di soluzione (soprattutto se come quello voluto dall’UE) ai NPL risulterebbe inutile.

Data: Marzo 2017
Fonte: Money.it

NPL COME POTENTE VEICOLO D’INVESTIMENTO

Cose che dicono gli altri sugli NPL sacco di soldi

Cerberus è un gigante degli investimenti, feroce come la mitologica bestia da cui trae il nome.

L’azienda investe in NPL .

Se stai pensando: “ok Dottor NPL, c’è qualcuno che prende un minimo in considerazione i crediti deterioriati, e quindi?

Allora non hai capito il livello di coinvolgimento di cui ti sto parlando.

Cerberus non sta banalmente comprando qualche credito cosi per sport e per diversificare.

Nossignore, la società investe SERIAMENTE e PESANTEMENTE:

  • dal 1998
  • più di 200 transazioni
  • volumi superiori a $60 miliardi
  • in 18 paesi
  • con un team dedicato di 36 esperti

Che Cerberus non scherza è un’understatement.

Ma torniamo a noi: qua, nei confini dello stivale, hanno acquisito ultimamente 400.000 prestiti spendendo ben oltre un miliardo e mezzo di dollari.

Per un pugno di dollari, eh?

Cosi ci hanno fatto vedere che intenzioni hanno… beh direi che ora come ora non ci sono molti dubbi!

Data: N/A
Fonte: Cerberus

NIENTE FRENI

Palla di neve

Fiat Botafogo era un’automobile da matti (e da record).

Negli anni dopo la prima guerra mondiale, i fulminati gli appassionati prendevano comuni macchine e mettevano sotto il cofano potenti motori di aerei, rimasti inutilizzati dopo il conflitto internazionale.

Cosi nacque nel 1917 la Botafogo, con un potentissimo motore da 22 litri e… senza freni.

Il senso di gareggiare in quel modo non chiederlo a me, però abbiamo un trend che rispecchia quella follia anche sul mercato NPL: aumentano a dismisura le aste immobiliari, alimentate dai pignoramenti sfrenati!

Le cose che dicono gli altri sugli NPL includono quello che riferisce WallStreetItalia:

Nel Portale delle vendite pubbliche del Ministero della Giustizia ci sono oggi 36.700 annunci di vendita in asta  di immobili residenziali.

Case finite lì perché il proprietario non è riuscito a fare fronte ai propri debiti.

[…]

Quale che sia la causa del problema, sta di fatto che è in crescita. Secondo i dati del sito specializzato Enti e Tribunali nel 2015 ci sono state 226.000 esecuzioni immobiliari, nel 2016 sono state 267.000 e nel 2017 oltre 234.000.

Con un ritmo di oltre 200.000 pignoramenti l’anno il rischio è di arrivare a quota 1,5 milioni di immobili in asta nei prossimi cinque anni.

Considerando che i pignoramenti durano facilmente 5 anni (in alcuni casi molto di più) e che quelle poche volte che concludono con successo, le banche recuperano solo una frazione del credito… anche gli investitori NPL possono fare i loro giochi senza freni!

Data: Luglio 2018
Fonte: WallStreetItalia

TI PREGO! TI SCONGIURO!

Disperazione - asta persa troppe volte

Le cose che dicono gli altri sugli NPL sono tantissime; nella pagina che ti condivido sotto, IlGiornale non dice molto… ma espone un’informazione estremamente critica sulla GACS.

GACS (GAranzia sulla Cartolarizzazione delle Sofferenze) era il piano chiave del governo italiano per aiutare le banche a vendere i crediti NPL alla svelta.

Inizialmente, gli aiuti del GACS dovevano durare solo fino al 6 settembre.

MA CHI SI VUOLE FERMARE ?!?!

Nessuno!

Come la Botafogo, il mercato NPL va avanti e solo avanti a tutto spiano: ecco perché il ministero dell’economia sta implorando l’Unione Europea per prolungare il piano GACS!

Di sicuro nemmeno il sottoscritto ha intenzione di rallentare: per tutti gli investitori che mi contattano continuo a gestire operazioni estremamente lucrative.

Abbiamo appena notificato alla Commissione UE la richiesta di estendere di sei mesi il programma di garanzia statale per le banche.

– riporta IlGiornale, citando il ministro Giovanni Tria.

Data: Luglio 2018
Fonte: IlGiornale

QUALCUNO CERCA DI CAPIRE COME FARE PULIZIA, QUALCUN’ALTRO SI SFREGA LE MANI

Eccitati

Lascia che ti spieghi un evento di grande rilievo…

Ad oggi, in Italia, l’affare più grosso è stata la vendita di ben 24 miliardi di euro di NPL (!) da parte di Monte Paschi di Siena solo qualche mese fa.

Non ti racconterò perché MPS aveva più NPL di quanti ne poteva gestire, ma Bloomberg ti racconta come erano in crisi e non vedevano l’ora di passare la palla!

Chief Executive Officer Marco Morelli has worked for almost two years to arrange the 24.1-billion-euro securitization of non-performing loans […]

(il CEO Morelli ha lavorato quasi 2 anni per preparare la cartolarizzazione di 24.1 miliardi euro di NPL)

Nel frattempo, grandi investitori gareggiavano tra di loro per ottenere tutto, come degli sciacalli…

Un piccolo grande pezzo di storia…

Data: Maggio 2018
Fonte: Bloomberg

FRIZZANTE!

Frizzante

PricewaterhouseCoopers (PwC), tra le più grandi aziende di revisione finanziaria della Terra, ha delle affermazioni molto importanti e molto studiate sul mercato NPL italiano:

Alongside the circa €37 billion of transactions already closed in 2018 from 1st January, we foresee a pipeline for further NPE transactions to be announced in the year equal to circa €28 billion, including several securitisation operations under GACS (supported by the Italian Government guarantee on the senior notes) and the disposals of some Unlikey to Pay (“UtP”) portfolios.

These announced transactions will even fuel the NPL secondary market

Per farla breve, ti sta raccontando come il mercato NPL è in crescita e nello specifico nel 2018 si stanno già superato i volumi di transazioni rispetto al 2017.

Despite the political turmoil currently perceived by the market, in light of all the movements occurred over the last year, we believe that the Italian NPE market is still rich with interesting opportunities and new potential and innovative initiatives.

Ti sta dicendo che nonostante i casini politici percepiti dalla gente, il mercato NPE (va visto come sinonimo NPL qui) è sempre più effervescente!

Tra le cose che dicono gli altri sugli NPL, è probabile che PwC dice la maggior parte (rispetto!).

Infatti in allegato c’è anche un report omnicomprensivo sullo stato attuale del mercato NPL italiano, che ho dissezionato per te.

Data: Giugno 2018
Fonte: PwC

PS: il report PwC è periodico, quello precedente s’intitolava… rullo di tamburi… “The Italian NPL market: ready for the breakthrough
(“Il mercato NPL italiano: pronto per lo sfondamento.”)

IL PUNTO LUMINOSO

Stella

Ci sono cose che dicono gli altri sugli NPL che hanno origini in tanti stati esteri, e la Germania non fa eccezione.

In un piccolo ma eccellente report della famosa banca tedesca Deutsche Bank, la direttrice Ersilia Dimarco dice la sua:

Italia è vista come un punto luminoso sul mercato NPL (titolo tradotto).

Dalle dimensioni del mercato, alle misure del governo, alle piattaforme di servicing, lei riesce a condensare in un pezzo conciso tutte le informazioni critiche sull’intero ecosistema.

Assolutamente da leggere!

Data: Maggio 2018
Fonte: Deutsche Bank

CHI HA I SACCHI DI REGALI PIU’ GROSSI?

Gift-bag

Torniamo a discutere le cose che dicono gli altri sugli NPL in italiano, ok? Ok.

Un report KPMG – un altro dei quattro “big” della revisione finanziaria, assieme a PwC – analizza ulteriormente i volumi NPL e la situazione italiana.

Ma l’articolo su Startmag evidenzia altresì le banche che hanno e che vendono la maggior parte degli NPL (Unicredit, MPS. Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca)!

Data: Settembre 2018
Fonte: Startmag

ICE, ICE, BABY

Ghiaccio

Al di là degli articoli e dei report, gli esperti parlano anche davanti alla telecamera.

In un video caricato su YouTube e lungo una bella ora, alcuni professionisti hanno fatto delle discussioni estremamente interessanti e hanno divulgato statistiche AGGHIACCIANTI.

Per esempio…

  • la durata media nazionale di una esecuzione forzata immobiliare, dal pignoramento alla distribuzione del ricavato, è 51 mesi
  • quando una banca completa il pignoramento di una casa – che di base è impresa ardua –   alla fine di tutto mediamente recupera il 25.6% del valore dell’immobile
  • sul mercato libero, 35.000 agenti immobiliari gestiscono 648.000 immobili (18,5 case per ogni agente), mentre i 140 tribunali italiani lavorano con 290.000 immobili (oltre 2000 case per ogni tribunale… risorse totalmente insufficienti!)

Alcune delle cose che dicono gli altri sugli NPL sono davvero delle bombe inaspettate. Non so te, ma io sono ancora in stato di shock a distanza di mesi dalla pubblicazione del video!

Data: Luglio 2018
Fonte: BeBeez

UN CALCIO NEL SEDERE… ERM, LINEE GUIDA

Lineeguida

IlSole24Ore – osservatorio sulla finanza autorevole, che non ha bisogno di introduzioni – mette in evidenza come la BCE tartassa le banche italiane per smaltire gli NPL come se non ci fosse un domani.

Beh, se non lo fanno, per alcune banche veramente non ci sarà un domani!

Buone notizie per le banche italiane, con la definizione da parte della Bce delle regole che verranno adottate per ridurre lo stock di Npl.

Data: 12 luglio 2018
Fonte: IlSole24Ore

BOMBA!

Bomba

Un rilevante articolo su WallStreetItalia è intitolato cosi: “Crediti, una bomba da 99 miliardi per le banche italiane”.

Già, con un titolo del genere inizi subito a farti certe idee…

Le cose che dicono gli altri sugli NPL nella redazione WSI colpiscono sempre. Li non scrivono mai una notizia se non si tratta di un’evoluzione di grande conto:

[…] sarebbero 72 i miliardi di euro di NPL (Non-performing loans) venduti nel 2017 al prezzo di circa 13 miliardi.

La nuova edizione dell’osservatorio NPL di Banca IFIS, che fa eco agli avvertimenti dispensati da Standard & Poor’s sul settore finanziario italiano, stima che nel 2018 saranno ceduti all’incirca altri 57 miliardi di euro di crediti NPL, di cui 26 miliardi già in fase di negoziazione.

Continua a leggere al link sotto per una serie di numeri chiave sulle dimensioni del mercato NPL italiano!

Data: Gennaio 2018
Fonte: WallStreetItalia

FUTURO

Futuro dell'immobiliare

Nessuno può predire il futuro con massima accuratezza e affidabilità.

Non ci sono certezze su questo mondo, a parte la morte (fidati, ci sono posti dove le tasse non si pagano… ma questa è una storia per un altro giorno).

Allora quali sono le cose che dicono gli altri sugli NPL in merito al futuro?

Del mercato NPL sappiamo che nel breve-medio termine le banche italiane devono muoversi alla svelta per liberarsi dagli NPL.

E lo faranno, se non vogliono finire in rovina… ce lo dice Vito Ruscigno, co-capo del team NPL in PwC, la nota società di servizi finanziari:

Come confermato anche dall’Osservatorio Nazionale NPL Market Credit Village l’Italia si conferma il più esplosivo e dinamico mercato europeo.

Quali saranno i nuovi scenari che caratterizzeranno i prossimi due anni?

Il mercato degli NPL è in continua crescita, dopo un 2017 in cui sono state registrate cessioni per più di 70 miliardi di euro, nel 2018 sono state già annunciate operazioni di cartolarizzazione per più di 40 miliardi di euro.

La pressione e l’evoluzione regolamentare, con il calendar provisioning e l’adozione dell’IFRS 9, costringeranno gli istituti bancari ad una gestione reattiva del credito deteriorato spostando l’attenzione su un mercato nuovo e diverso, quello degli UTP (Unlikley To Pay) che hanno raggiunto volumi in termini di NBV (Net Book Value) attualmente superiori a quelli dei Bad Loans.

Data: Marzo 2018
Fonte: CreditVillage

PENSA FUORI DAGLI SCHEMI

Fuori.scatola

Le cose che dicono gli altri sugli NPL sono svariate, ma ci butto giù soldi che non ti saresti mai aspettato di leggere quanto sotto.

Altre società ancora – che monitoravano l’andamento del mercato NPL da dietro le quinte – hanno notato opportunità di investimento secondarie, e hanno fatto leva su queste per investire in modo creativo (e con successo!).

SYZ Asset Management è tra queste, e non scherza… ecco cosa riportava un articolo su FinanciaLounge:

Sfruttare la ripresa delle banche senza correre i rischi di un investimento diretto: la ricetta di SYZ AM sui crediti deteriorati.

C’è del valore nascosto nei Non Performing Loan (NPL) del mercato italiano? Secondo Pras Jeyanandhan, senior analyst di SYZ AM, la risposta è sì.

A un anno dal picco della crisi dei crediti deteriorati italiani, che in totale ammontano a circa 300 miliardi di euro, la situazione sembra essere in miglioramento.

E nonostante una situazione più critica rispetto al resto d’Europa, dovuta all’unicità del suo sistema creditizio, in fondo al tunnel comincia a vedersi la luce.

Secondo lo stile di investimento contrarian che la distingue, SYZ AM ha monitorato con attenzione l’evolversi della situazione dei crediti ritenuti difficilmente esigibili dagli istituti di credito.

“Abbiamo percepito che questo contesto di crisi poteva offrire opportunità di investimento contrarian – specifica Jeyanandhan – ma è stato difficile limitare il rischio al ribasso dei titoli bancari”.

La grande incidenza degli NPL sui bilanci delle banche italiane, infatti, ha fatto temere l’arrivo di un’ondata di fallimenti di istituti bancari, incluso il Monte dei Paschi di Siena e ha coinvolto, in misura decisamente minore, anche il colosso Unicredit.

Se gli azionisti di MPS sono stati azzerati, le azioni di Unicredit – forte di un business plan più credibile e attivi da vendere – si sono riprese.

Data: Settembre 2017
Fonte: FinanciaLounge

GRANDI SCOMMETTITORI

Scommesse

 

Anche Reuters, testata autorevole, ti fa vedere come grandi fondi speculativi fanno ragionamenti brillanti e comprano a go go azioni di banche italiane che stanno vendendo NPL.

LONDON, May 15 (Reuters) – Major hedge funds have picked Italian mid-tier banks as one of Europe’s few remaining recovery plays, betting they will shed billions of euros in bad loans.

Ovvero: grandi fondi speculativi hanno scelto banche italiane medie scommettendo sul fatto che smaltiranno miliardi di euro di crediti deteriorati.

Avevano ragione? Certamente si!

Data: Maggio 2018
Fonte: Reuters

E BASTA (MA LE COSE CHE DICONO GLI ALTRI SUGLI NPL NON FINISCONO QUI)

Mi fermo qui per ora, anche se di cose che dicono gli altri sugli NPL ce ne sono ben tante altre ancora in rete.

Cavoli, MI SERVE UN PO’ DI ARIA FRESCA!

Il mercato NPL è talmente frenetico che anche soli 5 minuti ti esaustano totalmente.

Ma sai cosa? Ne vale la pena più di ogni altra cosa.

Si investe alla grande e si ottengono ritorni che prima erano impensabili.

Al tuo successo,
Dottor NPL.


logo Dottor NPL Dottor NPL è il primo e unico esperto sugli investimenti immobiliari NPL in Italia per privati, creatore del metodo più avanzato e redditizio NPL Advanced, nonché autore di "Come investire in NPL",  il libro di riferimento sull'argomento.

Vanta esperienza pluriennale... sin dalla nascita del primo affare NPL in Italia!
Vuoi avere il privilegio esclusivo di investire con il dottore?
Per la prima volta è possibile:  CLICCA QUI PER INGAGGIARLO!


CONDIVIDI SU: